1983/1984

                                                  CAMPIONATO 1° CAT. GIR. ” B “

 

Presidente:     Antonio Scarpini

Allenatore:     Ettore Canonici

 

E’ stato l’anno del via alle molteplici discussioni sulla presunta fusione tra  S.S.Montemarciano e il Marina Calcio. Per la 2° volta nei 13 anni di attività del Marina  la suddetta fusione divenne motivo di interesse e discussioni per tutta l’estate e in tutti i locali del paese. Il 26 Maggio 83 il ” Corriere Adriatico” pubblica un articolo( provenienza lato Monte) che sarà oggetto di discussione per tutti gli anni a seguire fino al 1994 anno in cui il Montemarciano sospenderà l’attività per qualche anno. La trattativa “crollerà” subito, in quanto lo zoccolo duro di entrambi le fazioni si oppone in maniera energica a questa soluzione. Accantonato il progetto “fusione” Barigelletti( D.S) e Il Pres. Scarpini si buttano sul mercato e forse per la 1° volta nella storia, a fine Giugno viene conclusa la campagna acquisti per pensare poi all’organizzazione della sagra del pesce. Entra nel direttivo 1 personaggio che nel prosieguo delle annate calcistiche a Marina scriverà pagine estremamente significative anche in direzioni “diverse” dal Marina Calcio; Giorgio Giaccani. Altra nota di rilievo l’arrivo di 1 sponsor dal nome altisonante a livello nazionale come ” SWEDA” ( sponsor del Torino Calcio) che a mezzo Claudio Garbini concessionario di zona, appone il proprio marchio sulle magliette del Marina. Lo stesso Garbini negli anni a seguire diventerà elemento importante nelle vicissitudini del Marina Calcio. Scarpini e Barigelletti si trovano subito a dover “arginare” le numerose e pressanti richieste per Simoncelli( richiestissimo dopo la EXPLOSIVA stagione appena conclusa), e di Andrea Moretti, superlativo cursore di centrocampo. La voglia di allestire una squadra competitiva, induce i 2 dirigenti a fare orecchie da mercante a tutte le offerte( allora i giocatori erano di proprietà delle società). Arivano dalla Falconarese Lombardi e Gagliardini, 2 centrocampisti di groso peso tecnico e dinamico. Dal F.C.Falconara arrivano 2 giovanissimi, Mauro Cinti e Virgulti. Fluidificante mancino il primo, ancora inconsapevole del fatto che diventerà un grande giocatore del Marina negli anni a seguire, scrivendo pagine importanti con oltre 200 presenze nella speciale classifica dei più presenti di sempre. Agile scattante ala Virgulti, che lascerà Marina dopo 40 presenze in 3 campionati. Nel frattempo a Montemarciano Stefano Calcina smessi i panni di giocatore, inizia quella della “panchina” diventando allenatore del Monte. Ha grande stima di Culinari e Moretti riuscendo a prelevarli dal Marina, con uno scambio importante. Arivano a Marina L’indigeno Cardinali Vinicio, e il Montemarcianese  Severini centravanti.Rientrano dal servizio militare Galantini e Farinelli, vengono promossi dalle giovanili, Alfredo Menotti, Sbriscia Mirko, e Maurizio Muzzi. La squadra è affidata ancora al riconfermato Ettore Canonici. Ad Agosto l’inizio della preparazione vede nella rosa del Marina Calcio ben 11 Casabruciatesi. La stagione sarà ricordata per la morte di Luigi ( Gigio) di Gregorio, già portiere del Monte e del Marina scomparso a soli 27 anni. Gigio ci lascia nella settimana che porterà al 5°derby della storia, le squadre giocano entrambe con il lutto al braccio, si gioca in un atmosfera irreale, nessun commento, nessuna parola, sembra una partita a “PORTE CHIUSE” tanto è il rispetto per il popolarissimo GIGIO. Chi invece non ha rispettato nessuno è stato l’arbitro di quell’incontro, 1 folle paranoico maniaco esibizionista, che combina quello che nessun giocatore aveva nemmeno immaginato. la partita finisce 2-2, con 8 ammoniti, 2 espulsi, 3 rigori concessi, tutto questo mentre in campo non c’erano stati ne falli ne violenza ne cattiveria. era il 6 novembre 1983, GIGIO ERA MORTO 5 GIORNI PRIMA!!!!!!! nel derby di ritorno ci sarà la “GRANDE” vndetta di Severini che relizza l’unico goal della partita per la vittoria del Marina. Non sarà un grande campionato. finiamo all’11° posto con soli 27 punti in carniere ed un “inaccettabile ” -18 in media inglese che sa di ” vergogna”